|  Login
I Nostri Viaggi * EUROPA * Slovenia sabato 20 gennaio 2018
VIAGGIO IN SLOVENIA Riduci

15 GIORNI IN SLOVENIA

15 giorni di vacanza nello stesso posto credo di non averli più fatti da quando ero ragazzina e andavo in vacanza con i miei genitori. Pensavo che mi sarei annoiata ad un certo punto e invece..Bled si è rivelata una meta azzeccatissima! Per la prima volta avevamo esigenze diverse dal solito: spostarsi con una bambina di un anno e tutt’altro che easy! Servono un’infinità di cose e pertanto abbiamo optato per andare in auto. Cercavamo dunque un posto che non fosse ecces
sivamente lontano, con un clima fresco, che ci offrisse un appartamento per tre e un bel paesaggio.
Tutto questo e di più la slovenia lo offre senza dubbio. Abbiamo alloggiato presso sasa Mezan che ha una casa enorme nella quale ha ricavato tre appartamenti che affitta www.apartmaji-mezan.si
Lei è una persona squisita molto disponibile, cortese e simpatica. L’appartamento era nuovo e pulitissimo. In posizione strategica, vicino al lago, al centro città e all’ospedale ( non si sa mai, con i bimbi piccoli )
A pochi metri avevamo la pizzeria rustika e la pasticceria smon. Entrambe sempre molto affollate perché meritavano! A Bled c’è un dolce tradizionale del luogo, che è una sorta di millefoglie, ma di proporzione titaniche e proibitiva per quanto riguarda le calorie, ma buonissima. Almeno una volta è da provare.

Bled è a pochi chilometri dal confine con l’austria , immersa in una regione verdissima. E’ una località turistica celebre e infatti ci sono turisti davvero da tutto il modo. E’ uno dei posti più belli della slovenia, caratterizzata dal suo lago sul quale svetta il castello e nel quale è immersa un’isoletta con tanto di leggenda. Si narra infatti che la campana della chiesa dell’isola debba essere suonata da chi vi entra e possa esaudire le preghiere..ovviamente anche noi l’abbiamo fatto! Per raggiungere l’isola si usano delle barche a remi , che a me ricordavano quelle del romanzo I promessi sposi.
Una mattina ci siamo messi di buon passo e abbiamo camminato tutto attorno al lago. E’ molto piacevole. Spiaggette , bosco, sole, ombra, bar e ranocchie si avvicendano nel cammino e quando si è stanchi si può sempre fare un bel bagno.
Sul lungolago vi è anche una spiaggia attrezzata. Noi ci siamo andati un paio di volte così anche la piccola ha giocato con la sabbia e si è pucciata in una delle vasche con acqua di lago fatte apposta per i più piccoli. Ha una concezione diversa dai “bagni” in italia, molto orientata all’integrazione con l’ambiente.

Se si prende l’auto in un raggio di 50 km ci sono diversi posti meritevoli.

La capitale Lubiana ci ha dato lì impressione di sprizzare di vitalità. Una rete continua di ponti sul fiume , imperlati di bar, ristoranti, bancarelle di tutti i tipi, la mostrava giovane e allegra. Famoso in particolare il ponte con i draghi, simboli della città.

Sulla strada per lubiana si incontra il cusiroso paese di Trzic dal quale si raggiungono le gole di Dovzan

Vicino a bled c’è la città di Radovliza, che ha un bel centro medievale.
Tornando verso il confine italiano, si arriva a kranjska gora da dove ci si può arrampicare sulle vette vero Vrsic, con una tappa alla chiesa russa tutta in legno, li posta in ricordo dei soldati russi morti surante la guerra.
Prima di Kranjska gora, nota località sciistica, c’è il bel paesino di Mojstrana attraversato il quiale si entra nella valle Vrata e si può fare una bellissima passeggiata fino alla chiesetta Aljazev dom. A mio parere è qui che le alpi giulie danno il meglio!Sulla strada tappa obbligatoria è la cascata pricnic. Bisogna arrampicarsi un po’ e le si arriva direttamente in pancia. Emozionante.
Tenendo sempre con riferimento Kranjska gora, poco oltre c’è il piccolo parco degli zelenci. Un micro habitat a sé, carino da vedere.
Silenziosa, quasi spirituale la valle Radovna, stretta e più ombreggiata rispetto alle altre. Poco frequentata è l’ideale per lunghe camminate tranquille. La valle è percorsa da un fiume, sul cui argine spesso siamo andati a rilassarci e anche a cercare refrigerio nei giorni più caldi. Tanto che per noi è rimasto “ il nostro fiume”
C’è poi il lago di Bohini. Rispetto a Bled ci è sembrato meno idilliaco come paesaggio e molto più attrezzato per “vita da mare”. Abbiamo preferito la cascata che si raggiunge con una bella passeggiata nei boschi.
Ci sono per i più avventurosi le gole di Pokliuka. Ci siamo avventurati per un buon tratto, ma poi il sentiero diventava per noi davvero troppo impervio.
Subito fuori da Bled c’è il paesino di Bohinjska Bela, anche qui tanti prati e le caratteristiche costruzioni in legno slovene che servono, pensiamo, per far seccare il fieno.
Il posto che ho preferito in assoluto sono state le gole di Vintgar. Un posto incantato dove ponticelli di legno si arrampicano sulle pareti rocciosi e sovrastano il fiume danno l’emozione di vivere dentro madre natura. E’ però importante andare la mattina presto, anche se è un po’ più freddo, ma si evitano le orde di turisti che finiscono ahimè per sottrarre l’alone di magia.
Insomma il nord della slovenia ha tutto quello che serve per una vacanza tranquilla, ma mai noiosa, ricca di paesaggi splendidi e con tutto ciò che rende una vacanza anche comoda.                                                                                                                                              

         Stampa    



Chi_Siamo  |  I Nostri Viaggi  |  Le nostre foto  |  I viaggi dei nostri amici  |  Sponsors
Copyright (c) 2007
DotNetNuke® is copyright 2002-2018 by DotNetNuke Corporation