|  Login
I Nostri Viaggi * EUROPA * Russia domenica 28 maggio 2017
Racconto di viaggio in Russia Riduci
Viaggio a San Pietroburgo
 
Periodo Agosto 2006
 
Durata 4 notti
 
Hotel Helvetia Suites, Marata street numero 11
 
Ricordatevi di fare il visto per entrare in Russia. Sul treno, in zona di confine, degli addetti in uniforme ci hanno preso i passaporti per fare i controlli e poi , nonostante il visto lo avessimo, già hanno aggiunto altri timbri con su scritto il nome dell’hotel dove avremmo soggiornato.
Quando siamo usciti dalla stazione san Pietroburgo si è presentata assolutamente caotica con un traffico indemoniato di auto e vecchi filobus. Faceva caldo ed era umido..arrivando dalla tranquillità della Finlandia è stato un po’ un trauma, per cui vi consigliamo di fare questo giro partendo da San Pietroburgo e di non lasciarla come città finale.
L’hotel, gestito da svizzeri, era meraviglioso con una stanza enorme dotata anche di cucina ed un alto standard di qualità nel servizio. Una sera hanno anche organizzato un concerto a cappella molto bello e relativo buffet. E’stato interessante osservare i russi che non si scomponevano mai, neanche per seguire il ritmo della musica, ma che decisamente apprezzavano il buffet!

 

    Chiesa sul sangue versato   Palazzo dello Zar   Ermitage

Le bellezze della città sono notissime dall’Hermitage alla basilica di Sant’Isacco alla fortezza di Pietro e Paolo.
Prima di tutto io mi sono fiondata a visitare la Chiesa sul Sangue Versato, che per me era il simbolo della città. Non mi ha delusa, anzi! Colorata dentro e fuori è di una ricchezza sorprendente.
 
La vera avventura è stata la relazione con i russi. Purtroppo la maggior parte non parlano inglese e a dire il vero, abbiamo anche avuto la sensazione, che non ci tenessero a dare una mano a due turisti a trovare le strade..Anche per mangiare non è facile, a parte i ristoranti di classe o quelli inclusi nei circuiti turistici, la maggior parte non hanno menù in inglese e anche i prezzi non è ben chiaro in che moneta siano…mah! Noi abbiamo trovato un minimarket e abbiamo cercato di cucinarci un piatto di pasta approfittando della cucina in hotel. Anche così è stato però divertente comprare le cipolle per il soffritto, dato che la vecchietta che le vendeva intendeva darcene non meno di un kilo…e per il sugo …pensavamo di aver preso del tonno…non so cosa fosse , ma non era commestibile. Per fortuna l’albergo, aveva un suo ottimo bistrot!
Divertente anche muoversi con i mezzi pubblici. Il metrò costa pochissimo e funziona a gettoni. Purtroppo le fermate sono solo in russo e vengono pronunciate…dunque munirsi di ottima cartina del metrò se no chissà dove si va a finire.Le fermate comunque sono meravigliose, sembrano sale di museo. Un giorno siamo a andati a Peterhof a visitare la residenza dello zar Pietro il Grande.
Scesi alla fermata Lemonosov, si sale su un taxi collettivo e in bocca al lupo! L’autista fumava, bevevo, riceveva i soldi e dava i resti tutto assieme….Per scendere non ci sono tappe, ma bisogna fargli capire di fermarsi. Fortunatamente Andrea c’era già stato e ha riconosciuto la cancellata in tempo. Certo abbiamo risparmiato un bel po’, perché con due euro a testa siamo andati e tornati.
 

Molto belli a San Pietroburgo sono i ponti, tutti particolari e diversamente adornati. Ci sono tante possibilità di fare un giro sul fiume e ammirare la città.

                                                                                                                                                                       

         Stampa    
VAI A VEDERE LE FOTO Riduci
         Stampa    



Home  |  Chi_Siamo  |  I Nostri Viaggi  |  Le nostre foto  |  I viaggi dei nostri amici  |  Sponsors
Copyright (c) 2007
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation