|  Login
I Nostri Viaggi * AMERICA NORD  * U.S.A. Ovest mercoledì 23 agosto 2017
Viaggio negli U.S.A. Riduci
Viaggio negli Stati Uniti D’America
 
Periodo : agosto 2004
 
Durata: 10 giorni
 
Abbiamo fatto questo viaggio con la sorella di Andrea, Daniela e suo marito Davide.
Arriviamo a Los Angeles e ritiriamo subito l’auto. Ovviamente è un macchinone , cambio automatico e luci che si accendono quando si apre , quando si chiude, quando sali….più che un’auto,una giostra. Fortunatamente il nostro hotel è lì vicino. Sistemati i bagagli, comunque, non dobbiamo addormentarci per via del fuso e quindi decidiamo di andare a Santa Monica.
Certo ci aspetteremmo di vedere i baywatch sulla lunga spiaggia ,ma l’unico che incrociamo non assomiglia affatto a Mitch.

 

     LA SPIAGGIA DI SAN DIEGO Ci svegliamo e cerchiamo un posto per fare colazione, come d’abitudine ordino due cappucci e due brioche…che errore ! i cappucci sono da un litro di latte ciascuno e i muffin sono due torte. Ok, in America è tutto grande.

A cominciare dalle strade. Los Angelese, è una trappola mortale in tal senso , le strade sono da almeno 8 corsie in un inferno di incroci e sopraelevate. Noi partiamo subito  per andare a San Diego. Facciamo tappa a Encinitas per un bel bagno e per fare la spesa …è troppo divertente in quanto tutto è in formato extra-maxi! Ad esempio il succo di frutta è in taniche da benzina!
San Diego è famoso per lo zoo, ma noi ci siamo limitati a fare un giro esplorativo.
Da San Diego , abbiamo costeggiato il confine con il Messico, in un susseguirsi di paesaggi spettacolari e passando da Yuma, siamo arrivati a Scottsdale. Il posto più caldo in assoluto dove io sia mai stata. Per fortuna lì c’è la Casa della Tortilla!
 
Da lì tappa a Montezuma Castle e poi Flagstaff, alle porte del Grand Canyon. Lì abbiamo trovato una forte pioggia, e per consolarci siamo entrati in un bar e ci siamo mangiati una mega fetta di torta al cioccolato.

 

MONUMENT VALLEY    

Forse non lo abbiamo visto al meglio, in quanto anche la mattina successiva, il tempo era comunque ombroso, ma il Grand Canyon è uno spettacolo meraviglioso. Ricordatevi di fare la tessera dei parchi, così pagate una volta sola e poi basta mostrarla. Si gira all’interno per vedere i vari punti panoramici..Purtroppo mangiare lì è alquanto caro, ma non c’è alternativa salvo che non vogliate fare dieta..cercate almeno di prenotare , se non fate come noi e aspettate e aspettate e aspettate..
 
Notte successiva a Lake powell, che dà molto l’atmosfera di zona di villeggiatura. Il nostro piccolo hotel aveva una piscina e ci siamo subito messi a mollo. Molto colorato il lago.
Ripartiamo per visitare altri due splendidi parchi: Lo Zion e il Brice canyon.
Abbiamo scarpinato parecchio nel primo e potuto osservare tantissimi scoiattoli.
Il Brice per me è ancora più bello del Grand Canyon, così particolare con i suoi pinnacoli. www.brycecanyoncountry.com
 
Da non perdere è la visita a Monument Valley, da cui si accede dalla cittadina sperduta di Kaienta.
Uguale a come si vede nei film, è rosso fuoco e polverosa. Anche qui si fa un biglietto e poi la si gira all’interno con la propria auto. Davvero spettacolare!
 
Dopo una notte a Saint George, nella quale abbiamo sperimentato l’evacuazione notturna.., ci dirigiamo attraverso il Mohave a Las Vegas.
 
Che dire di Las Vegas, noi eravamo all’Hotel Riviera all’inizio della strip. Decisamente kitch, come città, ma spassosissima e a me è piaciuta molto. Cammini in giro, ti guardi attorno ed è  come essere nel paese dei balocchi. In particolare l’hotel isola del tesoro, mette in scena uno spettacolo per cui due navi di pirati si combattono e alla fine una delle due affonda., Tutto ciò ai bordi della strada, mentre passano le macchine. Spettacolare il leone dell’MGM, la statua della Libertà, la tour Eiffel, le fontane dell’Hotel Bellagio e tanto altro!
Siccome a Las Vegas, la cosa importante è spendere per giocare, il resto costa poco sia le camere che il cibo. Anzi c’è l’abitudine di fare dei buffet dove ci si riempie fino a scoppiare si spende poco .Noi siamo andati all’Aladino ed è buono , inoltre c’è una gran scelta.
Si gioca di continuo ed in ogni modo, addirittura mentre si fa colazione, sui tavoli ci sono le cartelle del bingo… Noi ci siamo limitati alle slot machine,e quando abbiamo vinto,. Abbiamo convertito i soldi in una maglietta CSI Las Vegas…Dicono che di giorno la città dica poco, certo è vero che il massimo lo esprime di notte con tutto lo sfavillio di luci, ma anche di giorno vale la pena girarla, in quanto entrando nei casino il tempo si ferma. Prendete ad esempio Circus Circus è un gioco continuo come un enorme luna park!
 
La sera piove, il giorno dopo andiamo alla Death valley, ma purtroppo non riusciamo ad accedervi perché si era allagata ed era inagibile! Eh già il posto più arido al mondo allagato…
Cambio di programma e decidiamo di puntare su Palm Springs, così visitiamo il parco di Josghua Tree. La città invece in sé dice poco, sarà stato che faceva troppo caldo!
Comunque mangiamo in un ottimo ristorante messicano.
 

Ritorno a Los Angeles per l’immancabile giro tra Beverly Hills ed Holliwood.

                                                                                                                          

       Syndicate    Stampa    
VAI A VEDERE LE FOTO Riduci
         Stampa    



Home  |  Chi_Siamo  |  I Nostri Viaggi  |  Le nostre foto  |  I viaggi dei nostri amici  |  Sponsors
Copyright (c) 2007
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation